Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Proseguendo con la navigazione su questo sito accetti la nostra   Cookie Policy

home page

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Proseguendo con la navigazione su questo sito accetti la nostra   Cookie Policy

 

Vomero.it

S. MARIA  DEL  SOCCORSO  ALL'  ARENELLA

( PIAZZETTA  ARENELLA 4 )

di Marco di Mauro

tratto da "Il casale di Case Puntellate e il borgo della Pigna"
su autorizzazione dell'autore

Intimamente legata alle vicende del casale di Case Puntellate e del borgo della Pigna è la chiesa di S. Maria del Soccorso, antica parrocchia dell' Arenella. Infatti le cappelle dell' Architiello, di S. Anna all' Arenella e dell' Addolorata alla Pigna altro non erano che succursali della parrocchia di S. Maria del Soccorso, dove ricevevano i sacramenti gli abitanti di quei luoghi. Dunque ritengo indispensabile includerla nella mia ricerca, nonostante l' appartenenza ad un altro borgo, e considero il suo archivio parrocchiale la maggiore fonte di informazioni, insieme alle rare lapidi e carte topografiche, per lo studio dei casali limitrofi. Tra l' altro, da tale archivio sappiamo che il fondatore della cappella dell' Architiello,  Giacomo Catucci, era un sacerdote appartenente a questa parrocchia, dove spesso sostituiva il parroco nella celebrazione dei sacramenti.

S. Maria del Soccorso, legata ad una tradizione che individua nei suoi dintorni la casa natale di Salvator Rosa[1]* ( Arenella 1615 - Roma 1693 ), celebre pittore vedutista, fu inaugurata nel 1607. Tuttavia, a causa dei radicali restauri effettuati nel '700 e negli anni '60 del nostro secolo, nulla rimane della primitiva costruzione. All' intervento settecentesco rimandano la facciata, il vestibolo  e gli stucchi superstiti della volta e delle cappelle, mentre negli anni '60 sono stati realizzati l' abside e il rivestimento marmoreo della navata. All' interno, l' elemento di maggiore spicco è l' affresco settecentesco che orna la parte superiore della controfacciata, raffigurante S. Monica e S. Agostino.

 Vestibolo

custodisce un crocifisso ligneo e due acquasantiere settecentesche in marmi policromi, con stemmi domenicani

 Cappelle di destra

1°) presenta un fonte battesimale in marmi commessi del XVIII secolo, ed una tela coeva raffigurante Tobiolo e l' Angelo, di Salvatore Mollo

2°) conserva un altare e una cona in stucco settecenteschi, che inquadrano un moderno Cristo benedicente in legno policromato                                                                        

3°) custodisce un moderno S. Giuseppe col Bambino in legno policromato e due tele raffiguranti la Fuga in Egitto e lo Sposalizio della Vergine

4°) accessibile dall' abside o dalla sagrestia, conserva un dipinto del XVIII secolo raffigurante la Crocifissione

Abside

presenta un altare smembrato del XVIII secolo, il cui ciborio è murato nella parete di fondo

Cappelle di sinistra

3°) conserva un moderno S. Francesco in legno policromato

2°) custodisce un altare e una cona in stucco settecenteschi, che inquadrano

      una moderna Madonna col Bambino e S. Giovannino in legno policromato

1°) presenta una tela raffigurante la Madonna tra le anime purganti, firmata

      da Raffaele Spanò e datata 1892

 


[1] Fra le aiuole di Piazza F. Muzii sorge il monumento a lui dedicato nel febbraio 1933: su un elegante basamento ideato da Emilio Franceschi (1839-1890) si erge una statua bronzea, il cui modello in gesso fu presentato nel lontano 1871 da Achille D’ Orsi (1845-1929) alla Mostra della Promotrice di Belle Arti. Il bozzetto è attualmente esposto nel Museo Nazionale di S. Martino, nella sala che fronteggia la biglietteria.

Inoltre, mentre si dibatteva circa la necessità di dedicare un monumento a Salvator Rosa, nel 1876 fu apposta una lapide sulla sua presunta casa natale. Si volle così leggittimare una tradizione popolare che identificava il luogo di nascita del pittore in un edificio, recentemente demolito, di fronte alla parrocchia di S. Maria del Soccorso.

Tratto da: "Il casale di Case Puntellate e il borgo della Pigna" di Marco di Mauro, Napoli 1997, pubblicato dal Centro Interdipartimentale di Ricerca L.U.P.T dell' Università degli Studi di Napoli "Federico II", con il patrocinio del Comune di Napoli.

note e bibliografia di riferimento

 



Per comunicazioni: fax 081-19737975   email vomero.it@gmail.com