Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Proseguendo con la navigazione su questo sito accetti la nostra   Cookie Policy

logo  


MENU'

HOME PAGE

Il tuo banner su VOMERO.IT

POESIE ANTICHE E MODERNE

I VIDEO SU NAPOLI

FOTO DEL VOMERO E DI NAPOLI

LIBRI CHE PARLANO DI NAPOLI E DEL VOMERO

pagine di STORIA

PAGINE DI SPORT CITTADINO

SCUOLE

aiuta VOMERO.IT

I COMUNI DELLA PROVINCIA DI NAPOLI

DEDICATO AI TECNICI ... TUTTOTECNICA

MADE IN SUD compra_meridionale

Numeri telefonici utili

Misura la tua ADSL

SOFTWARE GRATUITO

AUTO E MOTO

CAPPELLA DELLA MADONNA DELLA LUCE

(VIA GABRIELE JANNELLI)

di Marco di Mauro

tratto da "Il casale di Case Puntellate e il borgo della Pigna" su autorizzazione dell'autore

In prossimità dello svincolo della Tangenziale di Via Gabriele Jannelli, spuntano, tra antichi edifici rurali e moderni palazzi, i ruderi di un grazioso edificio neoclassico: è la cappella della Madonna della Luce, fondata presumibilmente nel ‘700, rimaneggiata verso la metà dell’ ‘800 e poi caduta in rovina. Da qualche anno, la cappella appare sfregiata da alcuni interventi arbitrari, evidenti nella parte sinistra del prospetto. Ancora nel 1993, come testimonia una fotografia pubblicata su "Le strade di Napoli" di Romualdo Marrone (pag. 944), vi si aprivano una vecchia finestra dalla cornice in stucco ed un’apertura quadrata, chiusa da una grata metallica. Ebbene, la vecchia finestra è stata completamente ammodernata, mentre l’apertura quadrata è diventata una finestra. Un atto vandalico, inoltre, ha privato la sommità della facciata di un elemento decorativo in piperno, a forma di bulbo coronato da una pigna.

L’ interno, inaccessibile a causa delle precarie condizioni statiche, custodisce un altare e una balaustra in marmi policromi, un pulpito ligneo ed una volta a botte decorata da lacunari in stucco.

Contrariamente a quanto afferma Renato Ruotolo nel 13° itinerario di “Napoli Sacra”, io escludo che la cappella possa risalire alla metà dell’ ‘800 per le seguenti ragioni: in primo luogo, la sua pianta è già riconoscibile nella pianta di Napoli incisa dal duca di Noja (1775); in secondo luogo, sia il coronamento della facciata, con i suddetti ornamenti in piperno, sia la struttura architettonica mi sembrano risalire al XVIII secolo. Alla metà dell’ ‘800, invece, credo di poter attribuire gli stucchi che rivestono l’ interno e l’ esterno della cappella, e tutti gli altri ornamenti, che le conferiscono una gradevole impronta neoclassica.



Per comunicazioni: fax 081-19737975   email vomero.it@gmail.com