Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Proseguendo con la navigazione su questo sito accetti la nostra   Cookie Policy

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Proseguendo con la navigazione su questo sito accetti la nostra   Cookie Policy

logo  


MENU'

HOME PAGE

Il tuo banner su VOMERO.IT

POESIE ANTICHE E MODERNE

I VIDEO SU NAPOLI

FOTO DEL VOMERO E DI NAPOLI

LIBRI CHE PARLANO DI NAPOLI E DEL VOMERO

pagine di STORIA

PAGINE DI SPORT CITTADINO

SCUOLE

aiuta VOMERO.IT

I COMUNI DELLA PROVINCIA DI NAPOLI

DEDICATO AI TECNICI ... TUTTOTECNICA

MADE IN SUD compra_meridionale

Numeri telefonici utili

Misura la tua ADSL

SOFTWARE GRATUITO

AUTO E MOTO

Due porte alla Salute

di Giuseppe Capasso

Nel nostro quartiere c’è un sito, quasi sconosciuto ai più, che nelle mappe dei secoli scorsi viene raffigurato come un gruppo di case immerso nel verde ed isolato dalle altre piccole contrade della nostra collina. Quel sito è ciò che resta, oggi, dell’antico " (…) aereo villaggio di Due Porte", così descritto dal grande storico napoletano Carlo Celano (1617-1693) nella sua opera: "Notizie del bello, dell’antico e del curioso della città di Napoli". "Qui", scriveva ancora il Celano, "i primi splendori del sole quando la state si leva dal Somma, i primi raggi della calma luna che sorge dalle cime del Vesuvio …" (2).

L’edicola di un giornalaio in Via B. Cavallino nasconde, alquanto, alla vista del passante, la ripida discesa che, fiancheggiando l’antica Chiesina di Santa Maria delle Grazie, sfocia in una minuscola piazzetta centro di un incrocio di più viuzze. Due archi affiancati poi, piccoli e bui, immettono nelle stradine Molo ed Arco San Domenico che, sottoposte l’una all’altra, formano una meravigliosa balconata pensile tra il verde della collina retrostante e lo straordinario panorama della città sottostante e tanto lontana; uno spettacolo incantevole.

" (…) la salubrità dell’aria e l’amenità di quelle campagne vi han richiamati in tutti i tempi parecchi cittadini a diporto, ed esimi letterati a formar le loro opere", così raccontava Lorenzo Giustiniani nel suo "Dizionario geografico ragionato del Regno di Napoli" ed il Fasano, altro scrittore napoletano del settecento, annotava in una lettera ad un amico di abitare " (…) in una casa amena, vistosa, di buona aria e abitata intorno dalle fate". Le fate, per il Fasano, erano le tante giovani lavandaie della zona che, stropicciando i panni sulle lastre di pietra, lasciavano intravedere le loro procaci formosità e gioiosamente cantavano: " (…) siéntelo mammà, ca passa cantanno/ lu guappatiello de lu core mio/ cù ‘na calasciuncella va sunanno/ crireme mammà, ca me fa murire".

Il celebre Gian Battista Della Porta, ricorda ancora il Giustiniani, " (…) vi si fece una casina, e diede nome ad una di quelle contrade che in oggi correttamente chiamiamo Due Porte, checché in contrario avesse detto il Sig. Fasano nelle sue "Lettere villanesche", e che io brevemente confutai in altra mia opera fin dal 1793".

La confutazione indicata dal Giustiniani è la secolare controversia che divise, e divide ancora, gli studiosi delle cose napoletane per significare l’esatta derivazione del termine Due Porte, perché alcuni l’attribuiscono a diporto per indicare una gita per divertimento in un posto ameno, altri per ricordare che lì i due fratelli Della Porta possedevano una proprietà ed altri ancora scrivevano che la nobile famiglia Costanzo di Pozzuoli, avendo in quella zona dei beni, vi fece costruire nel secolo XVII una villa che aveva due portoni ed una Chiesa col titolo di S. Maria in Porta Coeli e San Gennaro "(…) affinché la gente delle circostanti dimore non dovesse faticare", si legge nella lapide sovrapposta alla porta d’ingresso della stessa vandalicamente devastata, "per le pratiche del culto col trarre in chiese lontane".

Anche Pietro Giannone, il grande storico napoletano ed uno ed uno dei maggiori dell’illuminismo italiano, passava molti mesi dell’anno intento a scrivere la sua grande opera "Istoria civile del Regno di Napoli" nella sua casa di Due porte identificata poi nella Villa Visocchi, o Villa Anna, che si può ammirare in Via Carlo Cattaneo detta, una volta, Salita Monte Due Porte. La casa, un tempo, non si presentava come il monumentale edificio di oggi e lo stesso Giannone ce la presenta così nella sua autobiografia: "(…) Toccate a’ miei clienti alcune rendite e case poste a Due Porte o perché ivi si mostrano due antiche porte, o perché ivi tenevano le loro ville i due famosi fratelli Porta filosofi e letterati napoletani, io le comprai. Fatto che ebbi tal acquisto ridussi in stato migliore quell’abitazione e fornitala di tutti gli arredi e suppellettili, nelle ferie estive e vendemmiali trasferiva ogni anno a Due Porte il mio domicilio; dove non tralasciando il mio mattutino e vespertino esercizio in camminare per quelle campagne, tutto il rimanente delle ore consumava in proseguire il lavoro dell’intrapresa istoria. Per questo mio ritiro, e perché anche dimorando in città poco volea farmi vedere nelle conversazioni e nelle altre brigate d’amici… - Prendeva gran piacere degli ameni libri, del mare di Posillipo, e delle campagne e delizie vedute di Due Porte, dove io soleva portarmi: queste mi facevan dimenticare e posporre tutt’i diporti della città, dé teatri, ed altre feste, e pompe del real palazzo; … l’altro mio sollievo e ristoro era di godere non men delle belle fattezze del corpo, che delle belle doti dell’animo d’una donzella ch’io, con volere di sua madre vedova e dé fratelli, ebbi verginella in mio poter, e …" (1)

 

Note:

1) Cfr. Autobiografia di Pietro Giannone, i suoi tempi la sua prigionia di Augusto Pierantoni, ed. E. Pierino, Roma 1890.

2) Cfr. Per un’oasi di verde a Napoli dell’arch. Franco gallo in Noi e il verde, n. 2 di Dicembre 1971 edito dal centro Meridionale pro natura Vivente.



Per comunicazioni: fax 081-19737975   email vomero.it@gmail.com